I Comuni della provincia di Lecce
 
Alezio
Alezio (Alytia in greco e messapico, Aletium in latino; fino al 1873 chiamata Villapicciotti) è un comune italiano di 5 668 abitanti della provincia di Lecce in Puglia. Situato nel versante occidentale del Salento, nell'entroterra di Gallipoli, dista 36,8 km dal capoluogo provinciale.
 
Cenni storici - fonte wiki -
Le origini messapiche:
Alezio ha origini antichissime poiché c'è chi la dice fondata da Lizio Idomeneo (mitico re di Creta), e chi dai Messapi che, per ricordare la loro patria e la loro capitale, la città di Alytia, nell'Acarnania, la chiamarono similmente Alytia. Plinio descrive la topografia della Japigia e indica la città di Alezio fra le più importanti della Regione. Secondo il noto storico latino gli Aletini discendevano dagli Japigi, derivati questi dagli Osci (popolo italico insediatosi in Campania tra il XI e VIII secolo a.C.), come hanno poi confermato le molte epigrafi rinvenute ad Alezio, scritte con caratteri Osci (Messapici). È stata rinvenuta e in parte indagata, a pochi metri dal centro urbano, in località Monte d'Elia una necropoli messapica utilizzata tra il VI ed il II secolo a.C. sono state scoperte vari tipi di sepoltura: dalla semplice fossa scavata nella terra o nella roccia, coperta da una pietra appena sbozzata, in uso in età arcaica; all'impiego del sarcofago monolitico ricavato da un unico pezzo di pietra con copertura di lastroni, talvolta con un gradino sul fondo come cuscino; infine la cassa di lastroni, costituita da lastre parallelepipedi unite tra loro attraverso un sistema ad incastro. Successivamente, ed almeno sino al II secolo a.C., mancano in questo sito tracce di strutture abitative; gli scavi condotti non hanno rilevato nessun dato sicuro sulla presenza di zone di culto ed edifici pubblici. I rinvenimenti tombali riferibili al periodo messapico non offrono indicazioni utili per definire l'estensione del moderno centro abitato, in quanto le tombe sono state rinvenute sia all'interno che all'esterno del territorio aletino; secondo l'uso di seppellire i defunti vicino alle abitazioni proprio delle popolazioni indigene del Salento. Dalle ricerche a tutto oggi effettuate l'insediamento di Alezio nel VI secolo a.C. risulta un centro importante grazie ai contatti e i continui scambi culturali, con la città greca di Taranto spesso alleata e nemica. Rispetto ad altri insediamenti messapici (Oria, Cavallino, Ugento, Vaste) Alezio non fu caratterizzata dagli stessi fenomeni di urbanizzazione, benché fosse inserita in una rete di traffici commerciali lungo la via Traiana, che metteva in comunicazione i centri più importanti della Messapia.
L'epoca romana:
La città conobbe continuità di vita almeno dal VII secolo a.C. al VI secolo d.C. Nella prima epoca romano - imperiale il nome della città ricorre in varie forme:
- Aletia in Strabone (64 a.C. - I secolo d.C.)
- Aletium nei passi di Plinio il Vecchio (24 - 79 d.C.)
- Aletion in Tolomeo (100 - post 165 d.C.)
- Baletium nella "Tavola Peutingeriana", la più antica rappresentazione cartografica del mondo (IV secolo)
In tutte le fonti il centro viene definito popoloso e fortunato, collegato com'era al vicino scalo marittimo di Gallipoli e attraversato da importanti vie di comunicazione. Anche durante la dominazione romana sulla Messapia, Alezio conservò il proprio peso economico e culturale, traendo ulteriore vantaggio dalla costruzione della via Traiana che collegava la città ed altri centri salentini a Roma.
Dal Medioevo alla rinascita:
Intorno all'anno 1000, la civilissima Alezio venne distrutta dai Saraceni e i suoi abitanti si rifugiarono nella vicina isola di Gallipoli. Il sito versò in stato di abbandono sino al XII - XIII secolo, periodo in cui venne edificato il tempio dedicato a Santa Maria della Alizza o Lizza (fastosamente festeggiata il 15 agosto di ogni anno) ad opera di alcuni monaci basiliani. Venne così ricostruito Casal d'Alezio, un villaggio di modeste dimensioni che restò tale sino al XVII secolo. Per registrare una ripresa del casale bisogna arrivare al 1714-1715, quando due proprietari terrieri, Antonio Coppola prima e Francesco Alemanno (detto "picciotto") poi, concessero in enfiteusi il terreno ad alcuni contadini. La tradizione vuole che in onore di quest'ultimo, Casal d'Alezio venne chiamato Villa Picciotti. Secondo un'altra ipotesi, il nome sarebbe derivato dalle presenza nel porto di Gallipoli di molti pescatori siciliani che alloggiavano con le loro famiglie in alcuni casolari intorno alla chiesa della Lizza. Nel 1854 il piccolo centro ottenne l'autonomia amministrativa e dopo l'Unità d'Italia riottenne il nome di Alezio.
 
Video sul Comune di Alezio: le origini messapiche
 
Da Visitare - fonte borghiautenticiditalia.it -
Alezio presenta diverse architetture di pregio da visitare, sia religiose che laiche. La Chiesa di Santa Maria della Lizza, costruita tra la seconda metà del XII e la prima metà del XIII secolo, presenta al suo interno affreschi di grande valore che risalgono a epoche diverse e alcune tele di pregio, databili tra la fine del Cinquecento e gli inizi del Seicento, attribuite a Gian Domenico Catalano e alla sua scuola. Dal 1950 la chiesa venne elevata a santuario, per volere del vescovo Nicola Margiotta. Costruita tra la metà e la fine de l 1800 sulle fondamenta di una costruzione più antica risalente al XII secolo, la Chiesa della Madonna Addolorata conserva al suo interno un pregiato organo a canne donato nel 1884 da Vincenzo Starace. L’orologio pubblico adiacente alla chiesa fu invece costruito tra il 1838 e il 1840. Il Museo civico Messapico è ospitato all’interno di Palazzo Tafuri, dimora signorile del XVIII secolo che si caratterizza per la sua lunga balconata e per lo stemma della famiglia Tafuri situato sul portone di ingresso, raffigurante un albero di quercia con due fulmini. Il Museo Messapico è stato dichiarato monumento nazionale. Conserva al suo interno corredi funerari databili tra il IV e il III secolo a.C. e la documentazione epigrafica risalente allo stesso periodo e riguardante le iscrizioni funerarie. Davanti al museo, inoltre, si trova il parco archeologico all’aperto, dove sono esposte diverse tipologie di tombe messapiche databili tra il VI e il II secolo a.C..
 
 
 
 
Stemma
 
 
 
Informazioni
Notizie
Numeri Utili
 
 
Pubblicità
 
 
 
 
News Alezio: notizie dal Quotidiano online "Telerama News"
 
Numeri utili Alezio
Ente/Esercizio
Indirizzo
Telefono
Web
Municipio Via Umberto I 1 0833/281806
Ufficio Postale Via Enrico Toti 41 0833/281024  
Banca Popolare Pugliese Via Mariana Albina 0833/283063  
Pro Loco Via Municipio, 3 327/6841598  
Guardia medica Presicce Via Danta Alighieri 0833/281691  
Farmacia Lannocca Via Matteotti 19 0833/281046  
 
 
 
I Comuni della provincia di Lecce

 

 

 

 

Seguici e votaci su
 
   
   
Leggi Recensioni
Leggi su TripAdvisor
Leggi su GoogleMaps
 
Scrivi Recensione
Scrivi su TripAdvisor
Scrivi su GoogleMaps
 
Contatti B&B
Via Paolo VI, 73030 Vignacastrisi (Le)
347 - 5492451
Mail:info@ilcorallo1.com
Turismo in Puglia
Bari
Brindisi
Foggia
Lecce
Taranto
Aggiungi Struttura
 
Lavoro in Puglia
Cerca lavoro
 
Utilità Salento
Ultime Notizie
Meteo Salento
Numeri Utili
Noleggi
Trasporti
Pro Loco
Uffici Turismo
Agenzie Viaggi
 
Il Salento
Storia
Territorio
Comuni Salentini
Itinerari
Barocco Leccese
Arte ed Artigianato
Musei e Pinacoteche
Pizzica Salentina
Cucina e Ricette
 
Mare Salento
Località Balneari
Spiagge e Stabilimenti
Diving
Canottaggio
Wind e Kitesurf
Escursioni in Barca
Venti e Meteo
Noleggi
 
 
Vivi Salento
Eventi
Concerti Pop Puglia
Concerti Pizzica
Concerti Classica
Feste Patronali
Sagre
Discoteche
Pub e Disco Bar
Ristoranti e Pizzerie
Cinema
 

Creative Commons License

© Copyright
Questa opera, testi e foto, è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons ed è in rete dal 2003.