Galleria Foto
Clicca sulle foto per ingrandirle
 
Terre del Salento: "Lecce"
 
Pubblicità
 
Terre del Salento: "Brindisi"
 
Pubblicità
 
Terre del Salento: "Taranto"
La storia del Salento
Bagnata dal mar Jonio e dal Mar Adriatico, la penisola salentina è la più antica delle terre pugliesi. Un tempo, infatti, era chiamata Terra d'Otranto e comprendeva tutta la provincia di Lecce, parte della provincia di Brindisi e Taranto. Il Salento è la regione più orientale d'Italia, affacciata sul Mar Mediterraneo, e grazie alla sua posizione geografica, è stata da sempre una terra di frontiera, dove l’alternarsi di diverse civiltà ha dato vita a una terra ricca di cultura, arte e tradizione.
Le prime popolazioni che occuparono questa terra furono proprio i Fenici nel 1600 a.C. circa, abili commercianti con una fitta rete di scambi commerciali via mare. Poi fu il turno delle popolazioni indoeuropee, come i Micenei, giunte fino al sud attraversando le Alpi, e le decine di dolmen e di menhir che si trovano nel basso Salento sono una testimonianza di questo periodo, pur trattandosi solo di una piccola parte sopravvissuta a guerre ed invasioni.
I primi abitanti civili e organizzati del territorio sono i Messapi, un popolo di lavoratori dediti all’agricoltura, all’allevamento del bestiame e alla lavorazione della ceramica. Diedero vita a una civiltà molto avanzata e grande impulso alla nascita di nuove città, tutte caratterizzate dalla presenza di monumentali cinte murarie realizzate appositamente quale principale difesa da ogni eventuale attacco nemico. Ben sette di queste città erano situate tra Lecce e Santa Maria di Leuca: Rudiae, Bastae, Neretum, Aletium, Uxentum, Soletum, Veretum; di questi centri rimangono rovine venute alla luce, nel corso degli anni, dalle numerose campagne di scavo.
Nell’ VIII secolo a.C. i Greci fondano città come Gallipoli, Otranto e Taranto, per poi divenire grandi centri di riferimento della Magna Grecia. A questo periodo risale la creazione di altri 9 insediamenti cittadini in una zona del Salento in cui, ancora oggi, si continua a parlare il "griko", un dialetto molto simile alla lingua degli avi ellenici. Questa zona prese poi il nome di "Grecìa Salentina" e fù caratterizzata da un'identità culturale a sé stante; La "Grecìa Salentina" comprende attualmente un'area un po' più vasta della sola isola linguistica e racchiude undici comuni, nove dei quali di lingua ellenofona, per un totale di 54.278 abitanti (dati Istat al 31 dicembre 2005): infatti a Calimera, Castrignano de' Greci, Corigliano d'Otranto, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia e Zollino della provincia di Lecce, si aggiungono Carpignano Salentino e Cutrofiano, di recente ingresso e non ellenofoni.
Non solo le testimonianze architettoniche sono la prova dell'influenza ellenica ma anche la cultura e le credenze popolari, la musica e la gastronomia sono dei segni che, nonostante il trascorrere dei secoli, sono rimasti indelebili.
La penisola salentina è testimone di una profonda trasformazione con l’arrivo dei Romani nel 266 a.C.. Infatti, diventò provincia romana dal punto di vista amministrativo fino a divenire posizione strategica per l'intensificazione della rete commerciale. E cosi' come furono continue le realizzazioni di infrastrutture e di opere pubbliche, anche la poesia, la scultura e la pittura fecero della penisola salentina una civiltà molto avanzata e prospera per quel periodo. Ma dopo questo momento idilliaco, il Salento, incluso tra Impero Romano d’Oriente e d’Occidente, divenne teatro di guerre tra i popoli germanici (Impero d’occidente) e i popoli bizantini (Impero d’Oriente) e tutto questo fino con la sconfitta definitiva dell’Impero romano d’Occidente avvenuta nel 476 d.C. I Romani lasciano per sempre la penisola salentina lasciando spazio ai brevi, ma intensi, contatti con la sponda balcanica fino alle invasioni di Goti, Longobardi e Bizantini giunti nel IV secolo a.C.
Questi ultimi esercitarono per lunghi secoli il loro dominio, lasciando in queste terre un'impronta indelebile, vista soprattutto la lenta, ma costante, penetrazione della Chiesa d’Oriente. In nome dell’Impero d’Oriente questi popoli diffondono lingua, cultura, religione e riti greco-orientali. Tutto questo caratterizzò la vita religiosa dei residenti, dapprima con l’arrivo di popolazioni in fuga dalle persecuzioni politico-religiose, che chiedevano asilo alla nostra gente, e più tardi con il diffondersi del monachesimo, in nome di San Basilio. In particolare si moltiplicano i monasteri dei monaci Benedettini e le cripte dei Basiliani, cioè delle grotte scavate nella roccia e poi affrescate.
Nel 1701, a sconfiggere i Bizantini sono i Normanni grazie ai quali si apre un nuovo periodo durante il quale arte e letteratura tornano ad essere di primaria importanza e si diffonde la cultura romanica. Gli Svevi che, succedono ai Normanni, favoriscono il mantenimento della pace interna e lo sviluppo culturale e artistico della regione salentina. Periodo breve, purtroppo, che termina a causa degli Angioino e Aragonesi, i quali cercano di contendersi duramente il territorio. Altro capitolo importante è quello che vede il Salento al centro delle mire espansionistiche dei Turchi che purtroppo fecero di Otranto nel 1480, teatro di un tremendo attacco la cui resistenza venne punita con l'uccisione di ottocento abitanti.
Questo è uno degli episodi che portò gli spagnoli alla costruzione, già dal ‘500, delle torri di guardia per difendere, in qualsiasi momento, i territori occupati. Realizzate sotto il regno di Carlo V, le torri costituivano un sistema di avvistamento che consentiva di organizzare difese di emergenza in occasione delle molteplici incursioni dal mare e sono tuttora visibili lungo gran parte della costa pugliese. In questo periodo Lecce diventa una delle città più belle e importanti, è il cuore pulsante delle attività culturali ed artistiche e, oltre ad attirare nobili e studiosi, fu consacrata tale dalla veloce diffusione del barocco, coinvolgendo anche l’immediato entroterra al repentino cambiamento e miglioramento del tenore di vita. Grazie alla facilità di lavorazione della cosiddetta pietra leccese, il Barocco è un segno evidente per molti edifici civili e religiosi con putti, trabeazioni elaborate, grifi, balaustre ardite, tutte realizzate nel marmo dei poveri. Anche nella Grecìa Salentina, comuni come Corigliano d’Otranto, Melpignano, Soleto sono l’esempio lampante di questa espressione artistica, un continuo alternarsi tra lo splendore architettonico e il sorgere di accademie, ordini religiosi.
A questo periodo florido ne segue uno di brigantaggio e malcontento popolare ma solo per pochi decenni, si tratta degli inizi del ’700, quando la Puglia viene occupata dagli Austriaci. Il Regno delle due Sicilie con Carlo di Borbone prima e Ferdinando IV poi, dona alla penisola salentina lo splendore e la tranquillità ormai persa, grazie anche all’attuazione di nuove riforme e al continuo cambiamento e tutto questo fino al 1860, anno dell’unificazione italiana.

 

 

 

 

Seguici e votaci su
 
   
   
Leggi Recensioni
Leggi su TripAdvisor
Leggi su GoogleMaps
 
Scrivi Recensione
Scrivi su TripAdvisor
Scrivi su GoogleMaps
 
Contatti B&B
Via Paolo VI, 73030 Vignacastrisi (Le)
347 - 5492451
Mail:info@ilcorallo1.com
Turismo in Puglia
Bari
Brindisi
Foggia
Lecce
Taranto
Aggiungi Struttura
 
Lavoro in Puglia
Cerca lavoro
 
Utilità Salento
Ultime Notizie
Meteo Salento
Numeri Utili
Noleggi
Trasporti
Pro Loco
Uffici Turismo
Agenzie Viaggi
 
Il Salento
Storia
Territorio
Comuni Salentini
Itinerari
Barocco Leccese
Arte ed Artigianato
Musei e Pinacoteche
Pizzica Salentina
Cucina e Ricette
 
Mare Salento
Località Balneari
Spiagge e Stabilimenti
Diving
Canottaggio
Wind e Kitesurf
Escursioni in Barca
Venti e Meteo
Noleggi
 
 
Vivi Salento
Eventi
Concerti Pop Puglia
Concerti Pizzica
Concerti Classica
Feste Patronali
Sagre
Discoteche
Pub e Disco Bar
Ristoranti e Pizzerie
Cinema
 

Creative Commons License

© Copyright
Questa opera, testi e foto, è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons ed è in rete dal 2003.